fb

video

ALBO PRETORIO

Fatturazione Elettronica

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

LINEA AMICA

IPA

CONTATTI

PEC

 tasi

calcolo imu

URP

Finanziamenti Pubblici Sportello Attività Produttive Srl Comune di Malito

Finanziamenti Pubblici Sportello Attività Produttive Srl Comune di Malito

Eventi

Durante l'anno, diversi sono gli appuntamenti tradizionali e religiosi che si festeggiano.
Si inizia nel mese di Febbraio con il Carnevale, con le sfilate di mascherine per tutte le vie del paese e recite in vernacolo nelle principali piazze.

La prima domenica di Aprile si festeggia Sant'Antonio, la statua portata a spalla in processione, percorre le strade e le stradine del paese accompagnata dalla Banda Musicale. Anticamente il giorno della festa di Sant'Antonio si benedicevano anche gli animali (Sant'Antonio de lu puorcu, perchè nelle immagini il Santo lo si vede di solito con ai piedi un maialino!).


La penultima domenica di Maggio in occasione della festa dell'Immacolata Concezione, si organizzano giochi popolari, musiche e canti, e la serata allietata da un complesso musicale si conclude con fuochi pirotecnici.

L'ultima domenica di Luglio si svolge la festa più attesa, quella in onore del Patrono, Sant'Elia. La giornata inizia con una solenne Messa, al termine della quale si snoda una processione per le vie del paese dietro la statua del Santo, che viene portata a spalla dai fedeli, che recitano preghiere ed intonano canti. A sera ci sono musiche e canti, giochi popolari e la sagra dello spezzatino, che permette di guastare dell'ottima carne prodotta localmente e cucinata secondo antiche ricette contadine.


Malito sotto la neve
Le tradizioni natalizie rimaste inalterate nel tempo sono i falò o focari che si preparano in ogni rione, attorno ai quali ci si riunisce la notte di Natale in attesa della nascita di Gesù Bambino, e i canti della strina antiche usanze del mondo greco e latino, che qui sono distinti: il 30 dicembre è cantata dai ragazzi ed il 31 dicembre dagli adulti o dai più anziani. Questi girano per le case degli amici, parenti e conoscenti cantando in tono augurale e accompagnandosi col rumore d'u mortaru e di strumenti musicali popolari.
Un tempo si usavano i coperchi da cucina o qualsiasi altro attrezzo che producesse rumore per allontanare, come facevano già i greci e i romani, le malìe dalle case visitate.

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.122 secondi
Powered by Asmenet Calabria